Società Umanitaria - Cineteca Sarda di Cagliari
in collaborazione con
Istituto Gramsci della Sardegna   Associazione culturale Gramsci di Cagliari

CECILIA MANGINI RACCONTA ANTONIO GRAMSCI
Incontro con Cecilia Mangini

 

proiezione del film
ANTONIO GRAMSCI I GIORNI DEL CARCERE
di Lino Del Fra (Italia 1977)

 

Giovedì 27 aprile 2017, ore 20
Cineteca Sarda, Viale Trieste 126 - Cagliari 


ANTONIO GRAMSCI I GIORNI DEL CARCERE

di Lino Del Fra (Italia 1977) - Soggetto e sceneggiatura: : Lino Del Fra, Cecilia Mangini - Fotografia: Gabor Pogany - Musiche: Egisto Macchi - Montaggio: Silvano Agosti - Interpreti: Paolo Bonacelli, Pier Paolo Capponi, Riccardo Cucciolla, Mismy Farmer, Franco Graziosi, Jacques Herlin, Lea Massari, Biagio Pelligra, Luigi Pistilli, John Steiner - Produzione: Coop Nuovi Schermi

 

Antonio Gramsci, uomo politico italiano nato ad Ales (Cagliari) il 23 gennaio 1891, studiò a Torino ove, fin dal 1915, si schierò nell′ala sinistra del movimento socialista. Postosi a capo del movimento proletario più avanzato del dopoguerra, i consigli di fabbrica, nel 1919 fondò e diresse il periodico L′ordine nuovo; guidò direttamente lo sciopero generale politico del 1920 divenendo uno dei capi più amati e stimati della classe operaia. Avvenuta a Livorno (21 gennaio 1921) la scissione del partito socialista (di cui era segretario), le sue qualità lo fecero designare segretario del partito comunista (1924). Deputato nella XXVII legislatura, venne dichiarato decaduto dal mandato e arrestato l′8 novembre 1926. Condannato a 20 anni di reclusione, nel carcere politico fascista di Turi finì per alienarsi i "compagni" di reclusione per le sue franche e acerbe critiche, tanto all′URSS di Stalin quanto al comitato centrale del PCI italiano. Le penose condizioni di salute indussero le autorità a trasferirlo in una clinica di Formia prima e in una di Roma poi, ove morì il 27 aprile 1937.

 

Cecilia Mangini (Mola di Bari, 1927) è stata la prima donna che in Italia ha osato mettersi dietro la macchina da presa per documentare la storia del nostro paese a partire dal secondo dopoguerra. Fotografa, saggista, sceneggiatrice e regista, Cecilia Mangini ha dedicato la sua vita al cinema militante, un aggettivo che oggi (sono parole sue) "sembra quasi una parolaccia".

Alla fine degli anni Cinquanta, dopo un esordio come critico cinematografico (in Cinema Nuovo, Cinema ′60, L’Eco del cinema), in un mondo pressoché totalmente presidiato da uomini, il produttore Lucisano le propone di girare un documentario e lei sceglie di raccontare una realtà scomoda insieme a un autore altrettanto scomodo, Pier Paolo Pasolini. inizia così il suo lavoro nel cinema in collaborazione con il compagno Lino Del Fra e con Pier Paolo Pasolini, realizzando lavori documentaristici sulle periferie cittadine e sul controllo sociale delle classi subalterne: dal più noto Ignoti alla città (1958), passando a La briglia sul collo (1974), cortometraggio su un alunno ribelle di San Basilio, come pure a La canta delle marane (1960), ispirato dal romanzo Ragazzi di vita. E il documentario Stendalì (1960), sulle lamentazioni funebri nella provincia di Lecce (anche sull′analisi di studi di Ernesto De Martino).

Nell′analizzare la fabbrica, affronta con estrema poesia ed intelligenza i drammi sociali legati al boom economico. Ad esempio in Essere donne, (1965) o in Brindisi ′66 (1966), sul petrolchimico Monteshell a Brindisi (1965). In Comizi d’amore ′80 tocca i temi della sessualità e la legge sull′aborto. Poi Domani vincerò (1969), e All′armi, siam fascisti! (1962) con Lino Miccichè, dall′inizio del fascismo fino ai fatti di Genova del 1960. Seguirà La statua di Stalin, del 1963.

Nel 2012 si reca a Taranto per raccontare e sostenere le mobilitazioni contro l′inquinamento prodotto dalla locale industria siderurgica, realizzando in seguito il documentario In viaggio con Cecilia, tornando alla regia dopo più di quarant′anni dall′ultimo film-inchiesta Domani vincerò.

Filmografia

Regia

All′armi, siam fascisti! (1962), in co-regia con Lino Del Fra e Lino Micciché
La statua di Stalin (1963), in co-regia con Lino Del Fra
Tommaso (1965)
In viaggio con Cecilia (2013), firmato in co-regia con Mariangela Barbanente 

Sceneggiature

All′armi, siam fascisti! (1962), di Lino Del Fra, Cecilia Mangini e Lino Micciché - documentario
La statua di Stalin (1963), di Lino Del Fra e Cecilia Mangini - cortometraggio documentaristico
La torta in cielo (1970), di Lino Del Fra
La villeggiatura (1973), di Marco Leto
Antonio Gramsci - I giorni del carcere (1977), di Lino Del Fra
Klon (1994), di Lino Del Fra
Regina Coeli (2000), di Nico D′Alessandria - firmata come Cecilia Mangini del Frà
In viaggio con Cecilia (2013), di Mariangela Barbanente e Cecilia Mangini

Centro servizi culturali Società Umanitaria - Viale Trieste 118, 126 - Cagliari - Tel. 070 278630 - cinetecasarda@gmail.com