A partire da mercoledì 15 aprile, una volta alla settimana (con visione aperta per sette giorni consecutivi), sarà possibile fruire gratuitamente di una piccola parte del patrimonio cinematografico delle tre sedi sarde dell’Umanitaria. Persone e territori, musiche e tradizioni, politica e folklore, mari e miniere, l’isola e il continente. Tutto questo è racchiuso nella rassegna “La Sardegna nello schermo 2.0”, composta da sette film (sette come la settima arte), scelti per lo spessore dei contenuti, per le storie che raccontano, per le memorie che hanno salvato. Sette film rappresentativi del lavoro che da mezzo secolo contraddistingue le nostre sedi sarde, impegnate nel recupero, la salvaguardia, la diffusione e la produzione di materiali cinematografici ed audiovisivi sulla memoria della Sardegna.
La rassegna è suddivisa in tre filoni, distinti ma complementari, quasi tre momenti di un unico tema, la Sardegna “ritrovata”: ritrovata nel cinema delle origini, quello dei restauri conclusi dalla Cineteca sarda di Cagliari; ritrovata nel cinema di famiglia, con le migliaia di filmini digitalizzati con il progetto “La tua memoria è la nostra storia”; ritrovata nel cinema delle produzioni, con i documentari che racchiudono una vita, un luogo, una memoria per il futuro. 
“La Sardegna nello schermo” è una rassegna che travalica il tempo, ma si ferma nello spazio, quello del vostro schermo. Perché – ci ha insegnato Bernardo Bertolucci – “ricorderemo il mondo attraverso il cinema”.

 

 

 🔸Per chi desidera approfondire, ecco alcune informazioni sul film e sul recupero della pellicola ⬇

𝐈𝐥 𝐫𝐢𝐭𝐫𝐨𝐯𝐚𝐦𝐞𝐧𝐭𝐨 𝐝𝐞𝐥𝐥𝐚 𝐜𝐨𝐩𝐢𝐚: la pellicola del film “Cainà” ovvero “L’isola e il continente” di Gennaro Righelli, realizzata nel 1922 e girata in Sardegna, era data per scomparsa fino al giorno in cui gli operatori della Cineteca del Friuli ne ritrovarono una copia sopravvissuta nell’archivio della Cineteca di Praga Národní filmový archiv.

𝐈𝐥 𝐫𝐞𝐬𝐭𝐚𝐮𝐫𝐨: nel 1990 il film fu programmato a Le Giornate del Cinema Muto di Pordenone e alcuni anni dopo fu presentato a Cagliari in occasione del convegno “La Sardegna nello schermo” organizzato dal Centro Servizi Culturali dalla Società Umanitaria. Nacque allora l’idea del restauro del film, curato dal laboratorio de L′Immagine Ritrovata di Bologna, da cui furono ricavati i positivi che ora sono depositati presso la Cineteca Sarda della Società Umanitaria di Cagliari.

𝐋𝐚 𝐩𝐫𝐢𝐦𝐚 𝐩𝐫𝐨𝐢𝐞𝐳𝐢𝐨𝐧𝐞 𝐝𝐞𝐥𝐥𝐚 𝐜𝐨𝐩𝐢𝐚 𝐫𝐞𝐬𝐭𝐚𝐮𝐫𝐚𝐭𝐚: il film restaurato fu proiettato giovedì 23 novembre 1995 al Cinema Alfieri di Cagliari in occasione della terza edizione del convegno “La Sardegna nello schermo”, con le musiche originali scritte ed eseguite da Mauro Palmas. Il cineconcerto con le musiche eseguite dal vivo è stato messo in scena decine di volte in tutta Europa.

𝐋𝐚 𝐭𝐫𝐚𝐦𝐚 𝐝𝐞𝐥 𝐟𝐢𝐥𝐦: il film racconta la storia di Cainà, una ragazza che vive in un paesino della Sardegna, ma che guarda oltre l’isola verso mondi sconosciuti. La magia del mare spinge la giovane a fuggire di nascosto su un veliero di pescatori, guidato dal capitano Pietro..

 

 

 

IL CALENDARIO DELLA RASSEGNA

RESTAURI

 

 

 

 

 

CINEMA DI FAMIGLIA

 

 

PRODUZIONI

 

 

 

 

sardegna storia page

 I FILM ISTITUZIONALI DEI CENTRI SERVIZI CULTURALI (CSC)

La storia della Società Umanitaria in Sardegna inizia alla fine degli anni sessanta, quando sembra che l’Italia finalmente si sia accorta della condizione di arretratezza economica, sociale e culturale in cui versa l’Isola.
In occasione del cinquantesimo anniversario, l’Umanitaria sarda ha pensato che fosse opportuno raccontare la sua storia, prima che si disperdesse il patrimonio orale e vissuto di chi, insieme e grazie ai CSC, ha potuto crescere, emanciparsi, costruirsi il proprio futuro. Per raccontare la propria storia è stato scelto il medium più congeniale, il cinema: tre Centri di Servizi Culturali, tre autori, tre documentari, ma una sola storia, perfettamente aderente ai valori fondanti della sede di Milano, ovvero che l’uguaglianza delle persone si possa realizzare attraverso la democrazia del sapere, senza pregiudizi, senza preclusioni.


Clicca qui per approfondire la storia dell’Umanitaria in Sardegna

 

 

 

Centro servizi culturali Società Umanitaria - Viale Trieste 118, 126 - Cagliari - Tel. 070 278630 - cinetecasarda@umanitaria.it